In questo video ti voglio parlare della fornitura elettrica, un dettaglio che spesso viene trascurato ma è un dettaglio che può rischiare di far slittare di molto le tempistiche di una ristrutturazione. Cerco di spiegarmi meglio: molto spesso si acquista un immobile per ristrutturarlo, per fare una operazione di trading e questo immobile ha un contratto di fornitura elettrica, come naturalmente anche uno del gas, a volte sono cessati prima ancora che vengono venduti, altri ancora sono in essere. In questo caso ti suggerisco, laddove tu trovi un venditore che ha il contratto ancora in essere, di dirgli di non staccare la fornitura elettrica ma di farti avere la sua ultima bolletta, di modo che tu possa fare una voltura, anche solo telefonicamente, tu telefoni e riesci a volturare il contratto per poter far partire immediatamente il cantiere.

Se segui i miei video sai benissimo che io cerco di organizzare tutto prima, quindi quando so che acquisterò l’immobile, dal momento in cui vado a fare la proposta, da lì in poi costruisco tutto quello che sarà l’operazione di ristrutturazione o l’operazione immobiliare, di modo che quando arrivo all’atto parto subito e se seguirai questo suggerimento ti posso garantire che ti troverai a giocare in anticipo. Anche perché se fai la disdetta, molto spesso un nuovo contratto determina delle tempistiche di un certo tipo. Molto spesso ti chiedono un contratto di locazione sull’immobile o magari ti chiedono anche l’atto di vendita, quindi è necessario produrre una documentazione e ci vogliono sempre dei giorni e questi giorno sono persi perché comunque il cantiere, senza fornitura elettrica, nella maggior parte dei casi non può funzionare e questa può essere un’ottima soluzione.

Magari mi stai dicendo: “Giuseppe, però non sempre capita di avere la fornitura accesa, un venditore disponibile a farti avere l’ultima bolletta perché tanti non si fidano, pensano che non paghi e magari chiudono la fornitura”. Ok, come si fa in questi casi? Magari si deve attendere diversi giorni, come si diceva prima, per avere il contratto. In questi casi ti devi muovere sempre in anticipo, parlando con l’amministratore, dicendo che devi far partire un cantiere, dicendo che nel vano scale oppure scendendo nelle cantine ci sono degli attacchi o prese elettriche, ti metti d’accordo con l’amministratore dicendo “possiamo fare un forfait per n giorni che mi servirà la fornitura elettrica per far funzionare il cantiere, in questi giorni io verserò al condominio una quota che l’amministratore conteggerà in maniera forfettaria, naturalmente”. In questo caso, avrai comunque garantita la tua fornitura elettrica e potrai far partire il cantiere.

Bene, queste sono due modalità, decidi tu quale applicare, il mio suggerimento è quello di muoverti sempre in anticipo come ti dicevo prima, sia che tu debba fare la voltura, sia che tu debba contattare l’amministratore per avere la fornitura attraverso il condominio. Queste sono due modalità che ti permettono di essere sempre pronto per il tuo cantiere e far partire immediatamente i lavori perché, come si  è detto, serve la fornitura elettrica in qualsiasi cantiere, già soltanto per i martelli, per la demolizione, insomma un po’ per tutto, per la luce se stai lavorando in un posto un po’ buio. Queste due modalità ti permetteranno di guadagnare tempo e di essere più veloce nelle tue ristrutturazioni.